Soci Onorari

Claudio ALFONSI
Nato a Pergola (PU) il 29 maggio 1939, diplomato Perito Chimico-Cartario. Tra il 1960 ed il 1971 ha lavorato presso alcune importanti aziende cartarie italiane,nelle quali, ricoprendo vari ruoli, ha avuto modo di approfondire i diversi aspetti della produzione della carta e della cellulosa. Dal 1972 al 1980 ha collaborato con il gruppo Ahlstrom a Mathi Canavese con responsabilità crescenti fino ad assumere nel 1978 l’incarico di Direttore di Produzione. Nel 1980 è entrato nel Gruppo Fedrigoni in qualità Direttore dello stabilimento di Varone di Riva del Garda. Successivamente ha ricoperto altri importanti incarichi in varie società del Gruppo contribuendo al loro sviluppo. Dal 2007 è Amministratore Delegato del Gruppo. Nel marzo 2014 l’Università degli Studi di Urbino “Carlo Bo” gli ha conferito la laurea magistrale Honoris Causa in economia e gestione aziendale.


Terenzio BALDONI
Insegna materie letterarie al Liceo Classico “Francesco Stelluti” di Fabriano. Ha collaborato con il periodico “Il Progresso” dal 1979 al 2009 ed è pubblicista. È stato Consigliere comunale dal 1995 al 1997.  È autore di diverse opere e saggi sulla storia cittadina nel Novecento, tra cui: “Artigiani a Fabriano nel ‘900”, “La Resistenza nel Fabrianese”, “Fabriano ricorda”, “Pugni fabrianesi”. Ha partecipato alla redazione del “Dizionario biografico del movimento sindacale nelle Marche 1900-1970”, edito nel 2006 dalla CGIL Marche. È socio dell’Istituto regionale di storia del movimento di liberazione nelle Marche e dell’Istituto Gramsci Marche. Nel 2012 ha pubblicato “Mestieri in bicicletta”. È autore di uno dei saggi che fanno parte del volume sulla condizione femminile nelle Cartiere Miliani di Fabriano dalla seconda metà del 1800 al sec. XX. Dal dicembre 2013 è stato nominato Socio Corrispondente della Deputazione di Storia Patria per le Marche. Ha salvato da probabile dispersione l’intero archivio della sezione fabrianese del PCI e PCI-PDS, tra cui circa 650 manifesti che vanno dal 1955 al 1997 e oltre 200 foto originali del ventennio fascista a Fabriano.


Peter BOWER
Storico Forense della Carta ed Analista della Carta,  è specializzato nelle attività di esame ed analisi della carta ai fini della datazione, attribuzione , autenticazione ed uso della stessa.  E’ arrivato ad occuparsi dell’analisi della carta partendo dalla produzione della carta. Verso la fine degli anni ‘70 ha iniziato a collezionare carta e ad analizzate le proprietà specifiche di ogni singolo tipo di carta, allo scopo di produrre della carta migliore lui stesso.  Uno dei fondatori della British Association of Paper Historians (Associazione Britannica degli Storici della Carta) nel  1989, è stato Direttore della Rivista dell’Associazione fin dall’inizio. Viene consultato da  Musei, Gallerie, Case d’Asta , Commercianti, Forze della Polizia, Avvocati, Produttori di Carta e  privati sia nel Regno Unito che in tutto il mondo. Il suo lavoro prevede l’analisi storica e scientifica della carta utilizzata per un’ampia varietà di usi. Gli è stato conferito il Volkswagen Turner Scholarship nel  1988, seguito successivamente dal  Leverhulme Trust Research Fellowship, presso la  Tate Gallery, per intraprendere una pionieristica analisi storica e tecnica sull’uso della carta da parte di J M W Turner (1775-1851) per la Tate Gallery. Questo progetto è sfociato nella pubblicazione di due libri e nella realizzazione di due mostre presso la  Tate Britain, a Londra. E’ autore di più di  1.500 relazioni e documenti di consultazione per vari clienti sulle carte utilizzate in singoli documenti, opere d’arte, banconote, manoscritti musicali, titoli, libri e materiale stampato . E’ autore di oltre  200 articoli, saggi e carte per conferenze, per una serie di pubblicazioni ed organizzazioni in tutto il mondo.  Alcuni dei suoi scritti sono stati tradotti in francese, tedesco, olandese e gallese.


Manlio CALEGARI
Professore associato di Storia Moderna fino dal 1989 presso la Facoltà di Lettere dell’Università di Genova. Ricercatore del Centro di studio sulla storia della manifattura preindustriale, la memorialistica tecnica e i “pratici”. Nel 1986 a conclusione di una serie di studi dedicati a questa materia, ha pubblicato La manifattura genovese della carta (sec. XVI - XVIII) (Ecig 1986). Collaboratore della rivista “Quaderni storici”, ha partecipato negli anni 1998 - 2001, all’impresa internazionale guidata da Philippe Braunstein, “La siderurgie alpine en Italie” nell’ambito della quale ha collaborato a convegni e pubblicazioni.


Silvana CANESTRARI
Nel febbraio 1971 si laurea con lode in Economia e Commercio presso la facoltà di Economia e Commercio di Urbino (Sede di Ancona) e viene ammessa alla scuola superiore di Direzione Aziendale I.S.T.A.O. di Ancona. E’ docente a contratto di Revisione Aziendale presso la facoltà di Economia della università di Urbino da circa trenta anni .Da quasi due anni è Presidente della Fondazione Isabella Marchini. Dal settembre 1983 è iscritta all’Ordine dei Dottori Commercialisti ed Esperti contabili di Pesaro e Urbino e svolge la professione di Dottore Commercialista in Pesaro. E’ Revisore Legale. Nel periodo 1988/1995 ha fatto parte, per tre mandati consecutivi, della Commissione per la Consulenza Aziendale istituita presso il Consiglio Nazionale Dottori Commercialisti. Dal gennaio 2013 è membro del Consiglio dell’Ordine dei Dottori Commercialisti ed esperti contabili di Pesaro e Urbino.


Alfranco CAPPONI
Classe 1928. Nel 1944 ha conseguito a Camerino la licenza della scuola media inferiore. Successivamente è stato assunto nella cartiera “Miliani” di Pioraco, dove ha lavorato fino al pensionamento come operaio e poi impiegato. Nel 1980 ha ricevuto dalla Camera di commercio di Macerata la medaglia d’oro per la fedeltà al lavoro, e nel 1994 il conferimento di Cavaliere al merito della Repubblica. Nel 1981 e nel 1991 ha scritto libri su Pioraco, per la storia del suo paese e della secolare industria cartaria. Ha curato per il comune il libro “I giorni del terremoto” ed ha collaborato per un filmato su Pioraco prodotto dal TV Centro marche, per conto dell’amministrazione comunale. Pubblicista, collabora da oltre trent’anni come corrispondente con il settimanale “L’Appennino camerte”.


Francesco CHIAPPARINO
Laureato in lettere all’Università di Perugia nel 1898 e abilitato all’insegnamento delle materie letterarie nelle scuole medie superiori nel 1991, ha studiato all’Istitut fuer Europaeische Geschichte di magonza (Rft) con una borsa del Ministero degli Esteri/Daad nel 1991 - 1992 e poi all’Istituto Universitario Europeo di Fiesole, ove nel 1995 ha conseguito il dottorato in storia. Titolare di una borsa post-dottorato al Dipartimento di Scienze storiche dell’Università di Perugia per il biennio 1997 - 1998, ha collaborato con l’Istituto per la storia dell’Umbria contemporanea e dal 1996 con l’Istituto per la cultura e la storia d’Impresa “F. Mogliano” (Icsim) di Terni, del cui comitato scientifico è stato membro nel 2004 - 2007. Ha compiuto soggiorni di studio in Francia (EHESS), in Svizzera ed in Germania. Ha collaborato con la rivista “Archivi e imprese” (Fondazione Assi, Milano) tra il 1996 e il 2000 e dal 1999 è membro del Consiglio scientifico della rivista “Proposte e ricerche”, di cui dal 2011 è direttore. Ha collaborato al Master in Conservazione, gestione e valorizzazione del patrimonio industriale dell’Università di Padova (Dipartimento di storia). E’ membro della Società Italiana degli storici dell’economia (Sise) dell’Istituto di Scienze economiche e sociali dell’Università Politecnica delle Marche e dal 2011 professore associato presso la stessa Facoltà. Dall’a.a. 1999 - 2000 è docente del corso di storia economica e dall’a.a. 2002 - 2003 di quello di Storia della finanza e della banca nell’ambito del Cdl magistrale in Scienze economiche e finanziarie. I suoi principali ambiti di ricerca riguardano la storia dell’industria alimentare, l’archeologia industriale, la storia della banca tra XIX e XX secolo e lo sviluppo economico italiano nello stesso periodo.


Augusto CIUFFETTI
Ricercatore confermato presso il Dipartimento di scienze economiche sociali dell’Università Politecnica delle Marche di Ancona, dove insegna Storia economica e Storia economica contemporanea. Collabora con il Centro Sammarinese di Studi Storici e con la Deputazione di storia patria per l’Umbria. È co-direttore della rivista “Patrimonio industriale” edita dall’AIPAI (Associazione Italiana per il Patrimonio Archeologico Industriale) e componente del comitato direttivo di “Ricerche storiche” e del comitato scientifico di “Proposte e ricerche”. Si occupa di protoindustria, mestieri e mercati in età moderna, con particolare interesse per il settore della carta e degli stracci da carta (su questi temi è in corso di pubblicazione un saggio in Mélanges de l’Ecole française de Rome); di ceti dirigenti, notabili e sistemi assistenziali tra Stato pontificio e Stato unitario; di sviluppo urbano e company towns in età contemporanea.


Renato COVINO
Professore ordinario di Storia economica presso la Facoltà di Lettere e Filosofia dell'Università degli Studi di Perugia si è occupato di tematiche relative alla storia dell'industria e dell'economia, della classe operaia e del movimento operaio, del territorio, delle istituzioni e dei ceti dominanti e alle problematiche concernenti il patrimonio industriale. Per quanto riguarda la storia dell’industria i suoi lavori riguardano sia i settori portanti dell’industria come la siderurgia, la chimica e l’alimentare, che quelli “minori” (carta, ceramica, laterizio, tabacco). E’ consulente della Regione Umbria per quanto concerne la catalogazione del patrimonio industriale. Già presidente nazionale dell'Associazione italiana per il patrimonio archeologico industriale (Aipai).


Józef DABROWSKI
Laureato in Chimica con specializzazione in tecnologia della carta e degli impasti presso l'università Tecnica di Lodz (Polonia) nel 1974. Successivamente, lavora come tecnico cartaio, specializzato nella ricerca e sperimentazione industriale. Egli è anche attivo nel campo della storia della carta internazionale e dal 1992 è stato membro corrispondente dell'IPH e fu presidente dal 2004 al 2008. Le sue pubblicazioni sulla storia della carta: Hand papermaking in Poland (1991); Permanence of European hand-made papers (1997-2004); The invention oftrue paper by Cai Lun (2006); The genuinely European technique of making paper byhand developed in Fabriano (2007), and Hand papermaking in Central and EasternEurope (2008). Continua a ricercare nel campo della storia della carta internazionale.


Anna DELL'OREFICE
Laureata in Economia e Commercio presso l'Università di Napoli Federico II, dal 1981 professore ordinario di Storia economica, è stata direttore dell'Istituto di Storia economica e preside della Facoltà di Economia e Commercio dell'Università di Salerno. Dal 1985 è professore ordinario di Storia economica presso l'Università di Napoli Federico II.  Le sue pubblicazioni riguardano temi di storia economica italiana in età contemporanea, con particolare riferimento al periodo fascista e ai primi anni della ricostruzione postbellica, e aspetti dell'economia e della società del Mezzogiorno preunitario. Ha collaborato con alcune riviste e attualmente è membro del comitato scientifico di "Nuova Economia e Storia". Consigliere Scientifico di ISTOCARTA fino al 2016.


Paola FARENZI
Già docente di lingua e letteratura inglese presso le scuole secondarie ad indirizzo economico-commerciale e agrario, nonché docente di letteratura anglo-americana presso l'Univesrità degli Adulti di Fabriano, negli anni ha approfondito gli studi lingustici in alcuni settori scientfici attraverso una ricerca individuale, ma anche, partecipando a corsi di specializzazione in Gran Bretagna. Questo impegno è sfociato in traduzioni scientiche di testi di chirurgia e con la gestione di corsi specifici nel settore medico (Ostetricia - Università di Camerino); nell'ambito ambietale naturalistico con traduzioni e gestione di un corso formativo per la Regione Marche sulla organizzazione e direzione di parchi naturali. Nell'ambito del settore cartario ha curato la traduzione di varie pubblicazioni storiche - scientifiche.


Richard Leslie HILLS
Charterhouse School, Godalming, e laurea con Master presso Queens’ College Cambridge nel 1960. Sempre a Cambridge ha ottenuto il Diploma come insegnante nel 1962 e nel 1965 all’Imperial College di Londra; ha conseguito il Dottorato di ricerca alla Manchester University nel 1968. Socio del Museums Association nel 1938; Socio dell’ Istitution of Mechanical Engineers nel 1996; per diverso tempo Presidente e ora Socio Onorario della Associazione Internazionale degli Storici della Carta (IPH - International Association of Paper Historians); Presidente Fondatore ed ora Socio Onorario dell’Associazione Britannica degli Storici della Carta (British Association of Paper Historians); Fondatore e Curatore del Museo delle Scienze e delle Tecnologie (Museum of Science Museum) di Manchester; Presidente dell’Associazione degli Ingegneri di Manchester. Autore del volume Papermaking in Britain, 1485 - 1988, Athlone, 1998, e di oltre dodici pubblicazioni sulla storia dell’ingegneria. Ha pubblicato, in vari giornali ed in vari paesi, oltre 60 articoli legati alla fabbricazione della carta. A giugno 2014 ha ricevuto dall'Università di Manchester la "Medagli d'Onore", come riconoscimento per aver lavorato alla fondazione del Museo della Scienza e dell'Industria ora MOSI e per le sue numerose pubblicazioni sulla storia della tecnologia.


Elio LODOLINI
Laureato in Scienze politiche, laureato in Giurisprudenza, diplomato in Archivistica, Paleografia e Diplomatica. Già docente di Archivistica nell’Università di Macerata, è professore emerito di Archivistica nell'Università di Roma "la Sapienza", nella quale è stato professore ordinario della stessa materia e, per tre mandati triennali consecutivi sino al collocamento a riposo, Preside della Scuola-Facoltà per Archivisti e Bibliotecari e membro del Senato accademico. In precedenza, quale Archivista di Stato nella carriera direttiva e dirigenziale dell’Amministrazione archivistica, è stato, fra l'altro, reggente della Soprintendenza archivistica per il Lazio, l’Umbria e le Marche in Roma, Direttore dell’Archivio di Stato di Ascoli Piceno, dalla istituzione, con il compito di costituirlo, Direttore dell’Archivio di Stato di Ancona, Soprintendente archivistico per le Marche dalla istituzione, Direttore di Divisione e di Servizio della Direzione generale degli Archivi, Segretario del Consiglio superiore degli Archivi, Direttore dell'Archivio di Stato di Roma. Ha svolto incarichi archivistici, oltre che per l’Amministrazione archivistica italiana e per l’Università, anche per l'Unesco, per il Consiglio internazionale degli Archivi, per l'Organizzazione degli Stati Americani, in Europa, Nord e Sud America, Asia ed Africa, soprattutto per lo sviluppo degli archivi e dell'archivistica nei Paesi del Terzo Mondo. È autore di una ventina di volumi e di oltre trecento fra articoli scientifici in riviste specializzate e relazioni congressuali e di un migliaio di scritti minori in gran parte di archivistica, ed inoltre di storia e di diritto.


Bruno MARINELLI
Cultore di storia locale e membro del Magistero Accademico dell’Accademia “Fulginia” di Foligno. Socio dell’Associazione Orfini Numeister di Foligno. Socio Ordinario dell’Archeoclub di Foligno. Socio Ordinario dell’Associazione Italiana per il Patrimonio Archeologico Industriale (AIPAI). Socio ordinario e membro del Collegio dei Probiviri del Centro di ricerche Federico Frezzi per lo studio della Civiltà umanistica di Foligno.


Gabriele METELLI
Laureato in Economia e Commercio, diplomato in Paleografia, Diplomatica e Archivistica e docente di materie scientifiche. È autore di diversi saggi di storia economica, sociale, religiosa e artistica concernenti la Valle Umbra. Ha partecipato a numerosi convegni nazionali ed internazionali, tra i quali quelli di Fabriano: Carta e cartiere nelle Marche e nell’Umbria dalle manifatture all’industrializzazione (22 luglio 1991), Produzione e uso delle carte filigranate in Europa (secoli XIII-XX) (1-2 ottobre 1993), L’impiego delle tecniche e dell’opera dei cartai fabrianesi in Italia e in Europa (16-17 giugno 2006); di Prato: Istituto Internazionale di Storia Economica “F. Datini”, Alimentazione e nutrizione secc. XIII-XVIII (22-27 aprile 1996); Senigallia: International Workshop on History, Anthropology and Epistemology of Medicine, Venus, Venum, Venenum, Antropologia e storia del farmaco (29-30 novembre, 1 dicembre 2002). E' iscritto al S.I.S.E. (Società Italiana degli Storici dell'Economia). È socio ordinario dell'Accademia Fulginia, socio corrispondente dell'Accademia Spoletina e dell'Accademia di Montefalco, socio aggregato della Deputazione di Storia Patria per l'Umbria. È diplomato in clarinetto al Conservatorio di Perugia; ha al suo attivo numerosi concerti ed ha inciso alcuni dischi.


Paola Franca MUNAFO'
Bibliotecaria e ricercatrice di storia del libro e delle biblioteche, dei materiali di produzione del libro antico e della loro conservazione. Su queste tematiche tiene corsi, seminari e conferenze in Università e istituzioni italiane e di Egitto, Francia, Germania, Gran Bretagna, Polonia e Spagna. Ha pubblicato monografie, saggi e articoli; in particolare è coautrice de La carta occidentale nel tardo medioevo, uno studio svolto dall’équipe italo-francese (ICPL – CNRS) sulle carte utilizzate nei volumi manoscritti e a stampa prodotti nel secolo XV. E’ stata Direttore della Scuola di Alta Formazione e del Museo dell’Istituto centrale per il restauro e la conservazione del patrimonio archivistico e librario (MiBACT), docente di “Storia e teoria del restauro librario” presso l’Università degli Studi di Roma “Tor Vergata”. È stata inoltre responsabile scientifico del programma del CNR sul degrado della carta antica e collabora con l’International Association of Paper Historians.


Raul PACIARONI
Ha frequentato scuole ad indirizzo tecnico nella sua città, poi si è iscritto alla Facoltà di Economia e Commercio dell’Università di Perugia e quindi alla Facoltà di Scienze Politiche dell’Università di Macerata, dove si è laureato discutendo la propria tesi in Storia dell’amministrazione pubblica con il prof. Dante Cecchi.  Fin dal 1969 si è dedicato allo studio della storia delle Marche e in particolare della sua città natale, iniziando a scrivere articoli prima per il giornale locale “L’Appennino Camerte” e poi via via sempre su giornali più qualificati ed importanti fino alle più prestigiose riviste di storia e di arte. Sono pertanto oltre quarant’anni che Paciaroni ricerca con meticolosità ed illustra con competenza fatti importanti, personaggi illustri, capolavori d’arte della nostra terra. Se le secolari vicende di San Severino sono state la materia più studiata, non sono mancati interessanti saggi anche sulla storia economica, sull’arte e il folklore della provincia maceratese e più in generale della regione Marche. Il numero dei suoi studi scientifici supera ormai 190 e l’elenco completo può essere consultato all’indirizzo: www.raoulpaciaroni.it/docs/pubblicazioni.pdf.


Anna Grethe RISCHEL
Conservatrice emerita della carta, associata al Museo Nazionale della Danimarca, “Archeologia ambientale e scienza dei materiali”. Per 25 anni è stata impiegata come conservatrice della carta e ha lavorato dal 1993-2002 come capo della “Sezione Carta, Cuoio e Tessuti” e membro del Consiglio del “Dipartimento di Conservazione”. Dopo la sua prima formazione alla Scuola Tecnica di Arti e Mestieri, ha lavorato autonomamente come designer tessile per dieci anni. Conseguita la laurea presso il Dipartimento di Grafica della Royal Danish Academy of Fine Arts School of Conservation nel 1977, ha continuato la sua formazione ed ha ottenuto nel 1991 il diploma di “Conservatore della Carta” con un progetto sull’identificazione e la classificazione della fibre materiali e della tecnologia  nelle carte orientali attraverso analisi a microscopio e macroscopio. All’interno di questo campo ha continuato i suoi studi sullo sviluppo tecnologico dell'arte della fabbricazione della carta in Asia e in Europa con vari progetti. E’ membro delle Associazioni degli Storici della Carta Scandinava (NPH) e Britannica (BAPH), nonchè Presidente della Associaizione Internazionale degli Storici della Carta (IPH - International Paper Historians).


Sylvia RODGERS ALBRO
Laureata in Belle Arti e Lingua Italiana all'Università di Santa Clara in California.  Nel 1982 consegue un Master's in Fine Art and Certificate of Advanced Study in the Conservation of Historic and Artistic Works presso l'Università Statale di New York a Cooperstown.  Dopo posizioni professionali alla Fine Arts Museums of San Francisco, e alla Yale Center for British Art in Connecticut,  da quasi 30 anni è alla Library of Congress di Washington in qualità di conservatrice di opere d'arte e manoscritti su carta.  Ha ricevuto diverse borse di studio dalla John W. Kluge Foundation, la Samuel H. Kress Foundation, e la Carolyn Horton Fund of the American Institute for Conservation per approfondire la storia della carta.  Dal 1996-2010 ha partecipato come docente alla Scuola Europea della Conservazione di Beni Librari a Spoleto, insegnando restauro della carta.  Partecipa tuttora come socio del gruppo di International Paper Historians e del American Institute for Conservation. E autore di diversi articoli sulla carta e la sua storia.  Ha tradotto in inglese il libro di G. Castagnari e U. Mannucci: L'arte della carta a Fabriano del 1991.


Peter Friedrich TSCHUDIN
A lungo direttore del Museo Svizzero della Carta a Basilea, membro e delegato per la Svizzera ai Congressi Internazionali di Storia della Tecnica, presidente (anni 1988 - 1998) dell’Associazione Internazionale degli Storici della Carta (IPH), professore associato presso la Facoltà di Ingegneria dell’Università Politecnica di Darmstadt e membro dell’Istituto di Fabbricazione della Carta dell’Università stessa, è autore di numerosi testi, pubblicazioni scientifiche e comunicazioni a convegno internazionali.